Impianti telefonici, voip e isdn, centralini panasonic, samsung, vendita e noleggio
Preventivi gratuiti Centralini telefonici professionali

Telefoni e videotelefoni VoIP professionali Yealink T18 T20 t22 T24 t26 T28 T38

Telefoni e terminali IP VoIP Yealink T20, t18 t22, t24 t26 t28 t38 2009, videotelefono ip , cordless voip 2 porte GB gigabit ethernet multimediale per cnetralini telefonici IP asterisk full ip ippbx.

Telefoni e videotelefoni VoIP professionali Yealink

T18 T20 t22 T24 t26 T28 T38 VP-2009D

Gamma completa di telefoni VoIP professionali di alta qualità per tutte le esigenze dal piccolo modello T18 economico al terminale professionale con display a colori TFT e porte LAN Gigabit, fino al videotelefono ip 2009D.

Alcuni esempi

telefono voip Yealink sipt28

telefono voip POE

Il T28 è un dispositivo Enterprise riccodi funzionalità, un’interfaccia user friendly, supporto fino a 6 account SIP.E’ dotato di tasti a LED per funzionalità di BLF ed ha 16 tasti funzione programmabili dall’utente.
Offre inoltre il supporto al codec audio HD G.722 per comunicazioni ad alta qualità.

Yealink SIP-T38g telefono voip 6 account, POE 2 porte LAN Gigabit T38

Il telefono VoIP a prova di futuro, bello funzionale ricco di funzioni, perfetto in ogni ambiente. Yealink SIP-T38G è un terminale telefonico IP SIP che tutela l’investimento grazie alla possibilità di collegarlo su reti LAN Gigabit (2 porte lan ), Displaay TFT a colori da 4,3 pollici a colori, tasti di funzione flessibili luminosi, viva voce e audio HD wideband anche su cornetta e cuffia (le cuffie devono essere compatibili wideband). Intuitivo, pratico da usare, ideale in postazioni di manager, capi reparto, centralinista (grazie ai moduli dss aggiuntivi per estendere la tastiera).

Yealink telefoni voip prezzo t38

Telefono IP 2 LAN Gigabit T38

Yealink T18 SIP-T18P telefono voip POE economico, prezzo e qualita al miglior terminale ip per uso in albergo o fissato a parete

yealink t18P-telefono ip

yealink t18P-telefono ip

Soluzione IP che mira a fornire agli utenti business una soluzione ricca di funzionalità a costi contenuti.
Il supporto del codec G722 permette di avere conversazioni vocali di alta qualità.

Altri modelli disponibili:

yealink T18

yealink T22 

Yealink VP-2009D Videotelefono Ip con display touch sccreen 7 pollici mediaphone (multimediale)

Yealink SIP-W52 cordless VoIP 6 account e linea RTG PSTN

yealink sip-w52 telefono cordless ibrido voip e linea telefonica tradizionale analogica 6 account sip .

Yealink SIP-W52  cordless VoIP 6 account e linea RTG PSTN

yealink sip-w52
yealink sip-w52 Cordless IP

Telefono cordless professionale, utilizzabile sia in azienda che a casa, grazie alla connessione per linea analogica (es una linea tradizionale o un attacco derivato da centralino analogico) e alla possibilità dis fruttare le potenzialità VoIP, fino a 6 utenti SIP, anche su centralino Voip (IPPBX). Display nitido (TFT) a colori, 2 porte LAN.

Connettore per cuffia (2,5 mm)

Viva voce full duplex anche wideband  (G.722)

PoE, 2xLAN, Speakerphone, Headset
6 VoIP accounts + 1 PSTN
TFT color display (65536 colors, 128 x 160 pixels)
8 hours talk time / 100 + hours standby time
3 concurrent calls 2 VoIP +1 PSTN

Impianti telefonici e reti LAN, per molti, ma non per tutti

Nuove norme per impianti telefonici reti dati LAN wan wifi allaccio terminali per installatori e teleimpiantisti, leggi per la certificazione e collaudo di sistemi voip isdn e wan allacciati alla rete telefonica pubblica.

Impianti telefonici, VoIP, reti LAN, wi-fi.
Per molti, ma non per tutti.

Cambiano le regole, le responsabilità e le sanzioni amministrative  pesanti)  adesso sono a carico dell’installatore non autorizzato.

Per anni, l’utente, è stato considerato unico responsabile delle installazioni fuori norma, (ovvero effettuate da imprese  prive dell’autorizzazione di legge per l’allaccio di impianti reti e terminali, verso la rete pubblica.

Questo comportava (comporta), oltre a dei rischi per l’utente,  una concorrenza sleale da parte di impiantisti non autorizzati, spesso despecializzati e privi di conoscenze e strumentazione specifica, nei confronti delle aziende installatrici (teleimpiantisti) autorizzate, che rispettano le regole, con costi di esercizio più alti a causa della struttura tecnica e di risorse umane  “minima obbligatoria” dettata dal DM 314, che sancisce gli obblighi a cui è sottoposta un’impresa che desidera avere/mantenere l’autorizzazione.

Va detto all’utenza (e ricordato agli impiantisti non autorizzati)  che un’impresa in possesso di autorizazione di legge, assicura al cliente competenza, personale qualificato (obbligatoriamente a libro matricola, quindi in regola per quel che concerne le posizioni inps inail etc.), strumentazione specifica, copertura assicurativa per eventuali danni in sede cliente, disponibilità di locali /magazzino idonei, furgoni e strumentazione.

Va pure detto che esistono 3 livelli di autorizzazione che riportiamo in sintesi:
3° grado per impianto solo fonia fino a 120 derivati (quindi non potrebbe allacciare una LAN o un sistema VoIP)
2° grado fino a 400 derivati fonia e dati ad esclusione del wireless ( non potrebbe allacciare ponti radio wi-fi etc)
1° grado, nessun limite di dimensionamento impianto e tecnologia.

Al cliente/utente, deve essere rilasciato uno specifico documento (allegato12) con riportato i dati del cliente stesso e dell’impresa autorizzata, oltre questo,un progetto di impianto.

Gli ispettorati territoriali (con competenza regionale) eseguono controlli periodici alle aziende in possesso di autorizzazione. Vere e proprie “ispezioni” con squadre anche di 3 (TRE) ispettori, per verificare che l’impresa autorizzata mantenga i requisiti minimi richiesti a garanzia delle proprie prestazioni/competenze.
Dove fossero rilevate inadempienze o trovati prodotti in magazzino non conformi, viene redatto un verbale con sanzione amministrativa e anche la sospensione del “patentino” di installatore autorizzato.

La nostra azienda, è possesso di autorizzazione del Ministero dello Sviluppo Economico (N° Fi/517) di 2° grado.

TecnoTel

Gazzetta Ufficiale N. 280 del 30 Novembre 2010

DECRETO LEGISLATIVO 26 ottobre 2010 , n. 198  (entrato in vigore il 15/12/2010)

Attuazione della direttiva 2008/63/CE relativa alla concorrenza sui mercati delle apparecchiature terminali di telecomunicazioni. (10G0219)

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti ….. (omissis)

E m a n a
il seguente decreto legislativo:

Art. 1 – Definizioni

1. Ai sensi del presente decreto si intendono per:
a) apparecchiature terminali:
1) le apparecchiature allacciate direttamente o indirettamente all’interfaccia di una rete pubblica di telecomunicazioni per trasmettere, trattare o ricevere informazioni; in entrambi i casi di allacciamento, diretto o indiretto, esso può essere realizzato via cavo, fibra ottica o via elettromagnetica; un allacciamento e’indiretto se l’apparecchiatura e’ interposta fra il terminale e l’interfaccia della rete pubblica;
2) le apparecchiature delle stazioni terrestri per i collegamenti via satellite;
b) apparecchiature delle stazioni terrestri per i collegamenti via satellite: le apparecchiature che possono essere usate soltanto per trasmettere o per trasmettere e ricevere, «ricetrasmittenti», o unicamente per ricevere, «riceventi», segnali di radiocomunicazioni via satelliti o altri sistemi nello spazio;
c) imprese: gli enti pubblici o privati ai quali lo Stato concede
diritti speciali o esclusivi di importazione, di commercializzazione, di allacciamento, di installazione o di manutenzione di apparecchiature terminali di telecomunicazione.

2. Gli operatori economici hanno il diritto di importare, di commercializzare, di installare e di allacciare le apparecchiature terminali e le apparecchiature delle stazioni terrestri per i collegamenti via satellite quali definite nel comma 1 e di provvedere alla loro manutenzione. Restano fermi la competenza degli operatori delle reti di comunicazione elettronica, come definiti all’articolo 4, comma 3, del decreto legislativo 9 maggio 2001, n. 269, per la costituzione e gestione delle interfacce di rete pubblica e l’obbligo di pubblicazione delle caratteristiche materiali delle medesime ai sensi dell’articolo 4, comma 2, del citato decreto legislativo 9 maggio 2001, n. 269.

Art. 2 – Allacciamento dei terminali di telecomunicazione alle interfacce della rete pubblica

1. Gli utenti delle reti di comunicazione elettronica sono tenuti ad affidare i lavori di installazione, di allacciamento, di collaudo e di manutenzione delle apparecchiature terminali di cui all’articolo 1, comma 1, lettera a), numero 1), che realizzano l’allacciamento dei terminali di telecomunicazione all’interfaccia della rete pubblica, ad imprese abilitate secondo le modalità e ai sensi del comma 2.
2. Entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto legislativo, il Ministro dello sviluppo economico, adotta, ai sensi dell’articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, un decreto volto a disciplinare:
a) la definizione dei requisiti di qualificazione tecnico-professionali che devono possedere le imprese per l’inserimento nell’elenco delle imprese abilitate all’esercizio delle attività di cui al comma 1;
b) le modalità procedurali per il rilascio dell’abilitazione per l’allacciamento dei terminali di telecomunicazione all’interfaccia della rete pubblica;
c) le modalità di accertamento e di valutazione dei requisiti di qualificazione tecnico-professionali di cui alla lettera a);
d) le modalità di costituzione, di pubblicazione e di aggiornamento dell’elenco delle imprese abilitate ai sensi della lettera a);
e) le caratteristiche e i contenuti dell’attestazione che l’impresa abilitata rilascia al committente al termine dei lavori;
f) i casi in cui, in ragione della semplicità costruttiva e
funzionale delle apparecchiature terminali e dei relativi impianti di
connessione, gli utenti possono provvedere autonomamente alle attività di cui al comma 1.
3. Chiunque, nei casi individuati dal decreto di cui al comma 2, effettua lavori di installazione, di allacciamento, di collaudo e di manutenzione delle apparecchiature terminali di cui all’articolo 1, comma 1, lettera a), numero 1), realizzando l’allacciamento dei terminali di telecomunicazione all’interfaccia della rete pubblica, in assenza del titolo abilitativo di cui al presente articolo, è assoggettato alla sanzione amministrativa pecuniaria da 15.000 euro a 150.000 euro, da stabilirsi in equo rapporto alla gravità del fatto.
4. Chiunque nell’attestazione di cui al comma 2, lettera e),
effettui dichiarazioni difformi rispetto ai lavori svolti e’
assoggettato alla sanzione amministrativa pecuniaria da 15.000 euro a
150.000 euro, da stabilirsi in equo rapporto alla gravità del fatto.

Art. 3 – Abrogazioni

1. La legge 28 marzo 1991, n. 109, e’ abrogata.
2. Il decreto del Ministro delle poste e delle telecomunicazioni 23 maggio 1992, n. 314, resta in vigore fino all’emanazione del decreto ministeriale di cui all’articolo 2, comma 2, del presente decreto.

Art. 4 – Disposizioni finanziarie

1. Dall’attuazione delle disposizioni del presente decreto non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.
2. Le Amministrazioni interessate provvedono all’adempimento dei compiti derivanti dal presente decreto con le risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sarà inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.
Dato a Roma, addì 26 ottobre 2010

Il Presidente del Senato della Repubblica
nell’esercizio delle funzioni  del Presidente della Repubblica  ai sensi dell’articolo 86 della Costituzione

Stai cercando qualcosa?

Prova ad usare il motore di ricerca del sito:

Link amici!

Link ad alcuni nostri amici...

TecnoTel di Ezio Del Giudice - Via Nerino Garbuio (ss1 Aurelia) 54038 Montignoso Massa Carrara - P.iva 00601870454 Tel: 0585821184 Fax: 0585821286

Impianti telefonici - Centralini telefonici VoIP ISDN e analogici; vendita al miglior prezzo di sistemi per Audioconferenza videoconferenza videosorveglianza IP; segreteria telefonica, CRM cuffie e auricolari per telefoni fissi cordless wireless dect, ufficio e call center. Centraline Panasonic, Polycom, Plantronics, Jabra, Siemens, Gigaset, Avaya Ericsson, Alcatel Lucent Cisco Promelit Samsung. Installazione manutenzione e assistenza tecnica. Centralini telefonici Lucca Massa Pisa Livorno Firenze Sarzana La Spezia Viareggio Forte dei Marmi. Siena Roma Milano Como Genova Torino Latina Grosseto Arezzo Napoli Monza Brianza Trieste Pavia Parma Bologna Imperia Asti Cuneo Agrigento Palermo Bari Catanzaro Piacenza Mantova Udine Verona venezia Pordenone Vicenza Pistoia Prato GSM Box Hot Spot wifi Access point ponte radio cuffie usb per computer con microfono contact center Catania Foggia Ancona Ascoli Piceno Macerata
Privacy policy